X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

Cerchi una definizione che abbia a che fare con il Consiglio provinciale altoatesino ma non la trovi nel „Consiglio provinciale dalla A alla Z“? Allora inviaci la definizione, con una breve spiegazione sul perché dovrebbe essere inclusa nel dizionario. Per fare questo puoi utilizzare il seguente modulo:

La tua e-mail*:
Il tuo messaggio*:
Il Consiglio provinciale dalla A alla Z
Il Consiglio provinciale dalla A alla Z
Interessante, importante, istruttivo – il Consiglio provinciale

Che cos’è una coalizione? Chi può presentare una mozione di sfiducia e perché? Che cos’è l’ordine del giorno? Come avviene uno scrutinio segreto? Che cos’è un disegno di legge?
Vorremmo aiutarti a chiarire alcune definizioni, spesso molto tecniche e particolari. Basta semplicemente cliccare su una lettera dell’alfabeto a sinistra e troverai un’ampia serie di spiegazioni.

E se vuoi avere informazioni su un tema o un concetto che non trovi nell’elenco, inseriscilo nell’apposito modulo a sinistra e inviacelo. Se si tratta di una definizione interessante, la inseriremo senz’altro nel nostro “Consiglio provinciale dalla A alla Z”.

Ratifica
Ai sensi dell’articolo 127 della Costituzione italiana qualsiasi Regione, ma anche le due Province autonome di Bolzano e di Trento, qualora ritengano che una legge dello Stato o la legge di un’altra Regione leda la loro sfera di competenza, possono promuovere la questione di legittimità costituzionale dinnanzi alla Corte costituzionale entro 60 giorni dalla pubblicazione della legge. L’impugnazione viene promossa dal/dalla presidente della Provincia, che è il/la rappresentante legale di quest’ultima, sulla base di una deliberazione del Consiglio provinciale. In effetti per una questione di tempo ovvero di scadenze (per l’impugnazione ci sono solo 60 giorni a disposizione), tale deliberazione viene di norma adottata dalla Giunta provinciale ai sensi dell’articolo 44, comma 5 dello Statuto di autonomia, anche se poi dovrà essere sottoposta per la ratifica al Consiglio provinciale nella sua prima seduta successiva.